Home » Biblioteca Diocesana 

Biblioteca Diocesana   versione testuale

Note storiche
La biblioteca Diocesana di Lanciano fu istituita nel 1987 per volere dell'allora Arcivescovo Mons. Enzio D'Antonio; inizialmente essa era composta da due grandi fondi librari, quello del Seminario Arcivescovile e quello del Capitolo della Cattedrale; ad essi, successivamente, si sono aggiunti alcuni fondi minori come quello dell'Episcopio, l'altro di S. E. Mons. Alberto Carinci, oltre a svariati volumi facenti parte di biblioteche sacerdotali.
Da notizie desunte dalla relazione di Mons. D'Antonio sappiamo che il fondo del Seminario, una volta distrutta la scaffalatura per ragioni di ristrutturazioni avvenute negli anni 60, è rimasto giacente in una stanza per circa venti anni, esposto alle intemperie: i volumi ovviamente hanno subito danni notevoli dovuti all'umidità, alla polvere, all'acqua e ad insetti. Grazie all'aiuto di volontari si è riusciti faticosamente a trasferire i volumi in locali più idonei per poi essere ripuliti.
Il fondo librario della biblioteca Capitolare invece era sistemata in un camerone soprastante la sagrestia della Cattedrale; i volumi erano riposti malamente in parte in scaffalature lignee e in parte su palchetti posticci; il locale era divenuto purtroppo un deposito di robe in disuso e addirittura su parte delle librerie è piovuto per molti anni. In molti vi devono aver avuto accesso incontrollato; pergamene scompigliate e volumi, tra i quali un incunabolo, sono stati ritrovati casualmente in mezzo al groviglio di robe.
Il trasferimento iniziò nel 1988, sotto la guida del Dott. Michele Scioli, il quale intanto era stato nominato direttore della biblioteca Diocesana.
 Con il restauro del primo piano del seminario la biblioteca ha potuto finalmente trovare una dignitosa sistemazione in un grande salone, arredato con scaffalature e armadi metallici su due livelli, il secondo con ballatoio, schedari e tavoli di consultazione; un'altra stanza è stata riservata alla direzione.
Negli ultimi anni la Biblioteca si è arricchitacon molti volumi donati dall'Arcivescovo mons.Carlo Ghidelli, con numerosi volumi donati da arci­vescovi e sacerdoti del passato e con razionali ac­quisti, indirizzati ad allargare il patrimonio e lafruizione della Biblioteca Diocesana di Lanciano.
 
Da qualche anno è in atto l'ambizioso progetto di adesione al Sistema Bibliotecario Nazionale ( SBN ), la rete delle biblioteche italiane promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali con la cooperazione delle regioni e dell'Università tramite il software CEI-bib adottato dall'UNBC ( Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici) il tutto realizzato sotto la direzione del dott. Anselmo Martino, collaboratore e referente dell'archivio e biblioteca della diocesi.
Il progetto di cui si vuol tentare è quello dunque di rinnovare la biblioteca nella sua interezza, collocarla dove le compete, ampliarne la conoscenza ad un più vasto numero di utenti; esso ha dunque la finalità di valorizzare il servizio ed il patrimonio del fondo bibliotecario lancianese.
Gli obiettivi specifici che ci prefiggiamo sono in sintesi:
            L'adozione di un catalogo unico attraverso la compilazione di record bibliografici secondo gli standard nazionali ed internazionali (RICA per l'indicizzazione e ISBD per la descrizione bibliografica)
            La collaborazione tra le biblioteche per la realizzazione dei servizi interbibliotecari ( prestito interbibliotecario e Document Delivery) per garantire agli utenti il reperimento del materiale posseduto da altre biblioteche in Italia e nel mondo
            L'istituzione di servizi innovativi per gli utenti
            La formazione del personale tramite corsi di formazione e aggiornamento
            Il coordinamento della politica degli acquisti sulla base delle proprie disponibilità finanziarie e di bilancio
            La rilevazione ed elaborazione dei dati statistici relativi al servizio ed agli utenti
            Postazioni di lavoro con accesso INTERNET gratuito
            Organizzazione di mostre, eventi, convegni per la promozione culturale e la conoscenza
 
Nella Biblioteca Diocesana non mancano edi­zioni rare o notevoli per valore storico o per pregioartistico. In essa era presente fino a qualche anno faun incunabolo delle opere di Pico della Mirandola(pubblicato nella Repubblica di Venezia nel 1498) edora trasferito nel Museo Diocesano.
Altre opere sono: molti antichi volumi d'usoliturgico, un folto gruppo di cinquecentine (tra que­ste spiccano: un rarissimo trattato di medicina in diecivolumi di grande formato, la serie Rerum italicarum,gli Annali del Muratori e le Credei Vasari). Sono pre­senti, inoltre, le opere a stampa degli studiosi locali:l'Antinori, il Romanelli e il Marciani.
Con la presenza dell'Istituto Superiore diScienze Religiose (chiuso nel 1992), la Biblioteca si èarricchita di numerosi volumi e collane, dizionaried enciclopedie (di argomenti: religioso, di scienzeumane e sociologico), nonché la serie completadell'Enciclopedia Cattolica, della Bibliotheca Sanctorum, della Bibliotheca Sanctorum Orientalium edel Dizionario degli Istituti di perfezione (storia de­gli ordini religiosi e dei loro fondatori).
Sono presenti, inoltre, varie edizioni com­mentate della Sacra Scrittura, una edizione delCorano, numerosi volumi liturgici, utilizzati durantele celebrazioni religiose a carattere diocesano; de­gni di nota sono un'importante sezione di dirittocanonico ed una di storia locale, con volumisull'arte, la storia e la vita di Chiese, monasteri, cit­tà e parrocchie. Si conservano collane storiche, so­ciologiche ed umanistiche della Casa Editrice "Vitae Pensiero", diverse edizioni dei Catechismi C.E.I. ela "Summa Teologica"di San Tommaso d'Aquino el'opera omnia di Sant'Agostino.
Si conservano rilegati i volumi degli Inse­gnamenti Pontifici Pontificato di Pio XI (1922)e gli Annuari Pontifici dal 1956 ( a curadell'Editrice Vaticana), l'Enchiridion della Confe­renza Episcopale Italiana dal 1954 e l'EnchiridionVaticanum dal 1962 (entrambi editi dalla CasaEditrice Dehoniana di Bologna) e i volumi del Acta Apostolicae Sedis dal 1909.
 
Le riviste
All'interno della Biblioteca Diocesana vi è un'emeroteca specializzata, con le riviste e i perio­dici che vengono inviati frequentemente.
Ecco un elenco indicativo di titoli: "Chiesa Oggi", "Regione Abruzzo", "Terra e gente", "Luoghi dell'infinito", "Osservatorio comunicazione e cultura", "Rinnovamento nello Spirito Santo" "Città nuo­va", "Docete", "Italia Caritas", "Rassegna CNOS", "Liturgia", "Servizio migranti", "Incontro", " I Qua­derni della Casa Sollievo della Sofferenza", 'Vocazioni", "Famiglia oggi", "Medicina e morale", "L'Amico del Clero", "Bollettino ceciliano", "Rivista Abruzzese", 'Vita e Pensiero".
In un locale attigua vengono invece con­servate le annate storiche delle riviste e dei perio­dici. Ecco un elenco indicativo: "Civiltà cattolica" dal 1989 (ma sono presenti anche annate sparsedal 1887 al 1909); "La Rivista dei Clero italiano"dal1977; 'Vita e Pensiero" dal 1971; "Monitor Ecclesiasticus" dal 1958; "Rivista biblica" dal 1968; "Nouvelle Reveu Theologique" dal 1971; "Liturgia" dal 1969; "L'Amico del Clero"dal 1975.
Inoltre si conservano dal 1922 tutti i numeridel bollettino ufficiale dell'Arcidiocesi di Lancia­no - Ortona, 'Vita della Chiesa frentana'.
 
La biblioteca diocesana è aperta i seguenti giorni:
Lunedi, martedi, venerdi, sabato dalle ore 08.30 alle ore 12.15
Referente bibliotecario: Anselmo Martino
Telefono: 0872 712648
Fax: 0872 715903
e-mail: bibliotecalanciano@diocesilanciano.it
 
La biblioteca si trova in via G. Finamore 32
66034 Lanciano - Ch
 
Altre informazioni e notizie utili le trovate anche al seguente link:

Condividi su: 
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
Stampa
questa pagina  
Segnala
questa pagina
2011 © Arcidiocesi Lanciano - Ortona
via Gennaro Finamore, 32 - 66034 - Lanciano (Ch) - Tel. 0872 712648 - Fax 0872 715903
C.F. 81004850699
try{ document.write(''); }catch(e){ }